venerdì 29 maggio 2009

Poolish con pasta madre

In questi giorni ho fatto degli esperimenti, abbastanza riusciti, pur sapendo di non aver inventato niente di nuovo.

Muffin con poolish con pasta madre


Plumcake con poolish con pasta madre

E` da un po' che gironzolo sul forum Coquinaria.it nel thread "Il lievito naturale in coltura liquida", questo nuovo metodo per realizzare il lievito mi incuriosisce.
Ma, avendo un'ottima pasta madre che mi dà dei bellissimi risultati, ho pensato di usarla ed abbreviare ad un solo passaggio quanto spiegato dall'autore del thread per crearsi il lievito naturale, per vedere cosa ne veniva fuori. Certamente non avrei panificato con il lievito naturale in coltura liquida, ma neanche con il mio solito metodo con pasta madre.

Mercoledì sera, verso mezzanotte ho amalgamato con le fruste (per incamerare più aria possibile) 15 gr di pm, 100 gr di manitoba e 130 gr di acqua di rubinetto. Ho lasciato fermentare, nella credenza, sino al raddoppio (quasi 12 ore) in un contenitore chiuso con coperchio.


Dopo 12 ore di fermentazione.

Con questo ieri, giovedì, verso le 13:00, ho preparato un unico impasto per i muffin ed il plumcake con:

150gr farina 00
250gr manitoba
80gr di liquido (latticello??) di yogurt
30gr di burro home made
buccia di 1/2 limone grattugiata
1 uovo
50gr zucchero (meglio 80gr)
frutta passita (albicocche e ciliege) qb
30gr latte per sciogliere 5gr di sale
alcune gocce di aroma mandorla
poolish

Ho fatto impastare per 10 minuti a vel. 1 con la planetaria ed ho aggiunto la frutta passita


L'impasto era abbastanza morbido, ho riempito delle formine da muffin


e la restante parte nella teglia da plumcake


Ho lasciato lievitare e, ieri sera, verso le 18:00, ho infornato a 200C i muffin per 40min. circa ed il plumcake per 50 minuti.
Il risultato è sorprendente, sia per sapore che per morbidezza.

Mi sono ripromessa di convertire parte della mia pm in lievito naturale in coltura liquida, ho chiesto all'autore del thread alcune delucidazioni ed appena tutto mi sarà chiaro partirò con la vera conversione.

Ma, ieri sera, verso le 23:00, ho voluto rifare nuovamente il poolish da aggiungere al mio solito pane alle farine miste e, stamani, verso le 12:00 ho impastato

100gr di manitoba
150gr di segale
100gr di semola rimacinata
130gr di acqua
10gr di acqua per sciogliere 2 cucchiaini scarsi di sale
poolish

Ho fatto mescolare con la planetaria per 10 min. a vel.1, ho arrotondato l'impasto ed ho dato un segno di croce sopra.
Ho lasciato lievitare per 3 ore chiuso in una busta per alimenti e quindi ho diviso in quattro e formato dei panini.
Ancora in lievitazione fino alle 19:00 e quindi fatto cuocere a 200C per 30 minuti circa.
Anche questo pane è ottimo, sia per sapore che per morbidezza.


Pane con poolish con pasta madre



Fetta di pane con marmellata di arance, una squisitezza!!!!!!

15 commenti:

  1. bella idea !anche io amo il lievito madre

    RispondiElimina
  2. Sai che tu fai sempre degli esperimenti molto molto interessanti?!! Io non ho ancora mai provato la pasta madre.. ma mi sembra arrivato il momento di creare la mia!

    RispondiElimina
  3. che brava che sai usare il LM , viene cosi bene il pane!

    RispondiElimina
  4. Plumcake e muffins sono deliziosi e il pane, si vede che è morbidissimo, complimenti!

    RispondiElimina
  5. @ marsettina... Effettivamente non ci sono paragoni tra pasta madre e lievito di birra. Con il poolish il sapore è ancora migliore!

    @ Cianfresca... Carissima, cosa ti perdi a non usarla!!!
    Io l'ho ricevuta dall'Italia e sembra che provenga da quella fatta dalle sorelle Simili, è un portento! Penso che anche chiedendola ad un panificio sia possibile reperirla.

    @ Mary... Hai ragione carissima, il pane con la pm è ineguagliabile!

    @ Tania... Grazie! Ormai i dolci sono finitissimi ^-^ ma, il pane che ho fatto per ultimo me ne rimane ancora un poco ^ç^'

    Baci, bacioni a tutte voi!!!!

    RispondiElimina
  6. ciao Anna sono felice di sapere che hai messo di nuovo "le mani in pasta".

    RispondiElimina
  7. Carissima i tuoi esperimenti sono meravigliosi .............. se avevo qualche dubbio me li hai chiariti

    Smack Manu

    ps: ieri ho usato l'agar ......... ti racconterò .......... a proposito per fortuna in giapponese i numeri non cambiano

    RispondiElimina
  8. (^_^) ciao Anna ,wow!! vedo che ti sei data da fare ...complimenti tutto ben riuscito a mio modestissimo parere (-_^) del resto ormai ho capito benissimo che qualsiasi cosa fai la fai benissimo come si dice dove ti metti suoni
    (^_^) bravissima
    un abbraccio e buona domenica baci baci ♥♥♥

    RispondiElimina
  9. @ caty... Carissima, grazie di cuore!
    La mia mano sinistra è il KitchenAid (^-^), meno male che c'è lui altrimenti non saprei come fare.
    Bacioni e buona settimana!

    @ Manu... Manuela, l'agar-agar ti ha dato dei problemi? Mi dispiace!!!
    Spero che tu abbia potuto recuperare.
    Baci carissima!

    @ May26.. La dolcissima May!!! Come stai? indaffaratissima con la tua meravigliosa famiglia?
    Bacioni cara, buona settimana!

    RispondiElimina
  10. Ah ecco!Grazie e buona settimana anche a te!

    RispondiElimina
  11. Caty, ciao carissima, un abbraccio!!!!

    Anicestellato, grazie, sei gentilissima!

    Baci ad entrambe!

    RispondiElimina
  12. Voglio provare questa variante e fare i muffins, mi hai veramente ingolosito con queste foto :-)Aspetto le altre informazioni!

    RispondiElimina
  13. Milla cara, questi muffin li ho fatti con il poolish come ho spiegato nel post: ho amalgamato con le fruste 15gr di pm, 100gr di manitoba e 130gr di acqua, fatto fermentare per 12 ore e poi usato nell'impasto dei muffin.
    Il sapore ne ha guadagnato moltissimo.
    Se ti interessa il "lievito naturale in coltura liquida" vedi qui. io ho iniziato a farlo da ieri sera. Se riesco ad usarlo bene, posterò il procedimento.
    Baci!

    RispondiElimina
  14. Anch'io ho lanciato un'iniziativa per festeggiare il 2° compleanno del mio blog. Se ti va, vieni a vedere!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)